Buon Natale!

Disservizi di Ecoambiente, il Comune di Porto viro scrive al Prefetto

(Porto Viro, 3 Luglio 2015) L’assessore all’ecologia e all’ambiente Alessandro Palli, scrive al Prefetto, perché intervenga per garantire  il servizio di raccolta porta a porta del verde in città che da oltre un mese non viene svolto regolarmente. A gestire il servizio, attraverso una ditta appaltatrice, è  Ecoambiente, in questo momento nell’occhio del ciclone visto le ultime vicende che riguardano il suo assetto societario.

Le quote della municipalizzata, infatti, sono per il 67% del comune di Rovigo e il resto dal Consorzio Rsu, formato a sua volta dai Comuni della provincia di Rovigo. La realizzazione della discarica di Villadose e la fusione fra Ecoambiente e consorzio Rsu rappresentano temi in discussione in questi giorni, che hanno visto le dure prese di posizione del primo cittadino di Rovigo.

 A Porto Viro il problema è molto più concreto: in strada ci sono i rifiuti. “Ho deciso di rivolgermi al Prefetto – spiega l’assessore Palli – in seguito alle tante segnalazioni al servizio clienti di Ecoambiente e anche ai nostri uffici comunali, da parte dei cittadini che lamentano l’irregolare raccolta del verde, soprattutto nelle strade secondarie del centro abitato”.

”Segnalazioni, alle quali i cittadini non hanno mai avuto un adeguato riscontro – si legge nella lettera indirizzata al prefetto e per conoscenza a Ecoambiente – Un disservizio che sta creando forti disagi alla popolazione in quanto il rifiuto, oltre a rimanere esposto in strada per diversi giorni in strada con conseguenti problemi di decoro urbano, con le temperature elevate di questo periodo fermenta creando fastidiosi odori”.

Il regalo è spettacolare

Un servizio che Ecoambiente affidato in appalto ad una ditta locale, che a breve sarà sostituita dalla nuova aggiudicataria dell’appalto. “Come Comune, da un mese a questa parte, abbiamo sollecitato i vertici di Ecoambiente per il disservizio, ma non abbiamo visto alcun cambiamento in positivo”.

“La mancata raccolta del verde – precisa Palli – è un problema molto sentito dai cittadini ma sul quale l’amministrazione comunale non può intervenire direttamente, se non attraverso i solleciti a chi ha in capo il servizio. E’ bene che si sappia che, anche se noi incassiamo la Tari, tale imposta viene poi girata a Ecoambiente. Ente, che non si sta preoccupando di far rispettare ai propri appaltatori gli impegni contrattuali presi. Per questo ci stiamo muovendo per poter arrivare a una risoluzione definitiva del problema, con azioni che potrebbero condurre ad assetti molto diversi ai quali corrisponderebbe anche un risparmio per tutti i cittadini”.

“Nel contempo – incalza Palli – stiamo considerando la possibilità di procedere a vie legali nei confronti di Ecoambiente, chiedendo i danni del disservizio creato, considerato che l’azienda è per noi la responsabile diretta della gestione della raccolta del verde porta a porta”.

il sindaco dal canto suo è pronto a fare un’ altra azione forzata presso l ‘ecocentro di via Ca’ Contarini, in quanto la questione è di tutela della sanità pubblica.

Guendalina Ferro

Servizio Informazione Comune di Porto Viro


Condividi con i tuoi amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessuna valutazione)
Loading...

Lascia un commento