Buon Natale!

La spiritualità nell’arte-Rassegna d’arte sacra contemporanea.

PANARELLA-(RO)_10 giugno ore 17 Inaugurazione della mostra La spiritualità nell’arte. Rassegna d’arte sacra contemporanea che si tiene nel salone del locale Circolo NOI.

La mostra è promossa ed organizzata dall’Associazione culturale Artisti del Delta  in collaborazione col Comitato organizzatore per i festeggiamenti della Madonna di San Juan de los Lagos, può contare sulla presenza di 22 artisti alcuni dei quali di fama internazionale e rimarrà aperta sino al 27 giugno.

“Gli artisti, dice la presidente del gruppo artistico e culturale, Gabriella Burgato Dumas, ci condurranno nell’infinito mistero della spiritualità. Un prezioso evento che fa trasparire un messaggio  che ha come obiettivo quello di riaccendere l’attenzione sull’arte sacra contemporanea attraverso  linguaggi essenziali e trasparenti e trasparenti per una nuova lettura che esprima trascendenza nello spirito del Sacro”. Dopo il taglio del nastro  ed una breve illustrazione  dei dipinti in mostra,  tutti gli intervenuti si sposteranno  in chiesa per la presentazione da parte del prof. Paolo Rigoni del volume, edito per l’occasione Dal Messico al Polesine.  Sulle strade del culto mariano, un libro che ripercorre la storia della Madrecita di San Juan de los Lagos e del suo arrivo dal Messico a Ca Cornera per giungere infine a Panarella.

IL volume,  curato dallo stesso Rigoni, raccoglie i contributi  di Luciana Passarella che si è soffermata sul culto della Madonna in diocesi di Adria-Rovigo, di mons. Giuliano Marangon con i Santuari Mariani in Polesine dal momento che la diocesi di Chioggia giunge alle porte di Adria  perché comprende Mazzorno, Fasana e Ca’ Emo, di Andrea Bellato, con la Madonna della Carità nel duomo e la Madonna del Pilastro,  di Giovanni Raminelli che si è soffermato sulla presenza mariana nella destra Po. Paolo Rigoni ha indagato Devozione mariana, miti di fondazione  e culti popolari passando in rassegna oratori e capitelli nella campagna e  lungo il Po ed ha esaminato i testamenti di Costantino Panarello e della moglie, Gerolama Arcibolda, i cui beni dovevano portare alla istituzione di un ospedale, non già ad Adria, ma nella casa domenicale di Panarella, e i beni della famiglia Lardi estintasi nel 1861.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  • 115
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    115
    Shares
  • 115
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...