Buon Natale!

Adria-la squadra di Barbierato all’opera per i nuovi marciapiedi di Valliera.

Il comune di Adria trova la soluzione all’operazione marciapiedi a Valliera, impegnando meno risorse economiche rispetto al progetto originale. A rendere possibile la progettualità, la squadra del sindaco Omar Barbierato, che ha messo a frutto la preparazione specialistica di alcuni componenti del gruppo civico IBC. ” Possiamo contare sulle competenze tecniche di alcuni amministratori che di concerto con i tecnici comunali, stanno lavorando a pieno ritmo sui progetti già avviati dalla precedente amministrazione, per trovare le soluzioni migliori che rispondano alle necessità dei nostri cittadini e nel contempo puntare ad un risparmio delle spese da sostenere”. Un esempio lo è la realizzazione del raccordo pedonale tra l’area antistante la chiesa intitolata alla Madonna dell’autista e via Scolo Branco, strada che collega la regionale 443 Adria-Rovigo e la strada provinciale 4 Adria –Rovigo lungo l’asse canal bianco. Un’opera attesa da una decina d’anni dai cittadini di Valliera.” Nuovi marciapiedi per i quali è stata realizzata una variante che prevede una modifica al tracciato del progetto originale, che si traduce nell’acquisto di un fabbricato chiuso da tempo e nell’evitare il tombinamento degli scoli d’acqua, che in termini pratici provocherebbe una limitazione del deflusso delle acque.” La salvaguardia dell’invarianza idraulica si è resa necessaria anche in seguito agli ultimi eventi meteo straordinari -dichiara l’assessore ai lavori pubblici Marco Terrentin– “. “Abbiamo migliorato il progetto originale con un’accurata affinità tecnica-continua il primo cittadino- nel corso della quale ci siamo accorti che mancava un documento tecnico. Un elemento previsto nell’iter burocratico e per il quale avremo riscontri in tempi brevi” “Sarebbe il caso che il consigliere Baruffaldi, -conclude il sindaco Barbierato- prima di fare certe dichiarazioni alla stampa, ne verificasse la veridicità attraverso un accesso agli atti pubblici, sia per capire quando ci sono i presupposti di un possibile danno erariale, sia per evitare la pessima figura di un progetto che non era stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche”.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: