Buon Natale!

PORTO VIRO-Sicurezza dell’incrocio e tutela degli imprenditori-Nessuno ostacolo ai lavori.

E.B. Il gruppo politico dell’opposizione, rappresentato dai consiglieri di minoranza, Thomas Giacon, Geremia Gennari, Ivano Vianello, Silvia Gennari e Alessia Tessarin, dai rappresentanti di Forza Italia, Enrico Bonafè, e Udc, Paolo Bologna e l’ex consigliere Roberto Luppi, intende precisare il proprio ruolo politico svolto lo scorso lunedì 24 settembre a tutela della sicurezza e dell’imprenditoria locale.

“Siamo stati invitati dagli imprenditori – dichiarano – poiché è stata richiesta la presenza della politica portovirese a loro sostegno. I consiglieri Geremia Gennari, Silvia Gennari e Alessia Tessarin non hanno potuto presenziare per diversi motivi personali, tuttavia hanno dato il loro assenso. Precisiamo che il nostro ruolo è stato puramente di sostegno morale alle aziende. Siamo stati in disparte, all’esterno del cantiere, tanto che le forze dell’ordine, intervenute per controllare la viabilità, hanno constatato la nostra presenza pacifica. Ma c’è di più. Lo stesso presidente del consiglio comunale, Adam Ferro, intervenuto in tarda mattinata, ha verificato personalmente tutto questo, e può testimoniarlo. Eppure, letto il comunicato della sindaca, ci sembra abbia voluto strumentalizzare l’intera vicenda, facendo credere ai cittadini cose del tutto infondate. Forse non c’è dialogo tra lei e Ferro, o forse la sindaca dovrebbe usare un po’ più di buonsenso”. “Invece di dire assurdità – proseguono i politici – sarebbe stato il caso fosse venuta anche lei, così avrebbe notato le nostre intenzioni e avrebbe per una volta inteso le esigenze degli imprenditori. Ma forse ha paura del confronto”. “La questione dell’incroci o in quel tratto di Romea è assai delicata e non va utilizzata a scopi politici, come sta facendo lei. Sì, perché quando parla di responsabilità, dimentica volutamente di dire che il suo vicesindaco, Doriano Mancin, quando era sindaco non ha mai deciso per la chiusura dell’incrocio. Perché non l’ha chiuso? Ma soprattutto, perché la sindaca non lo ammette?”. “Noi – dichiarano – vogliamo la messa in sicurezza dell’incrocio e sentiamo la necessità di tutelare gli imprenditori. Cosa che lei non ha minimamente preso in considerazione. I lavori prevedono lo scavo di un fossato che tagli l’incrocio. Per noi è una misura oltremodo esagerata, dato che basterebbe l’impiego dei jersey. È stata fatta una proposta sia da noi che dagli imprenditori, i quali si sono resi disponibili a contribuire in solido per i lavori, ma la sindaca ha palesemente ignorato ogni istanza, volendo far valere solo le sue decisioni. Questo significa andare contro la nostra imprenditoria e noi ci opponiamo.

Il regalo è spettacolare

Per questo motivo abbiamo voluto dimostrarci solidali, essere presenti e cercare di far ragionare la sindaca. Tuttavia l’impresa è impossibile”. “Auspichiamo – concludono – che la stessa solerzia con la quale la sindaca ha agito per la chiusura dell’incrocio in questione, venga utilizzata per la chiusura di almeno un altro incrocio altrettanto pericoloso, sul quale ci sono state altresì delle vittime, ovvero quello poco più a nord che collega via Murazze con la Romea. Qui, avvisiamo la sindaca, c’è una grande circolazione di automobili e l’unico divieto presente riguarda gli autocarri con peso superiore alle 3,5 tonnellate. Inutile dire che quel divieto è quotidianamente ignorato”.   I Consiglieri di minoranza-I Gruppi di opposizione.


Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    31
    Shares
  • 31
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...