L’Amministrazione Civica destina 200mila euro per le agevolazioni Tari.

ADRIA-L’Amministrazione, a differenza di quanto sostenuto da chi pensa già alla campagna elettorale, dimostra ancora una volta di essere vicina ai propri cittadini mettendo a disposizione circa 200mila euro  di fondi comunali  per le agevolazioni Tari, utilizzando anche risorse residue vincolate del fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali, previste dall’art.106 del DL 34/2020.

Un importo che sarà così spalmato  – entra nei dettagli il Vice Sindaco Wilma Moda- 14mila euro saranno distribuiti alle categorie che stanno attraversando un disagio economico, circa 72mila euro saranno quelli destinati alle utenze domestiche e circa 111mila euro per le utenze non domestiche”

Due le scadenze da ricordare per presentare le domande in Comune: 20 settembre 2022 per le utenze domestiche e non domestiche e per le famiglie in difficoltà il termine è fissato per il 31 ottobre prossimo. Saranno esenti dal pagamento della Tari le persone e famiglie che dal 2021 sono assistite dal Comune, gli anziani ultra 65 anni che vivono  da soli, con un Isee 2022 inferiore a 8mila 265 euro e i nuclei familiari composti da due o più pensionati over 65enni, che hanno un Isee  non superiore a 9mila 265 euro. Le agevolazioni del  30% saranno destinate a quei nuclei familiari con  6 o più componenti, o famiglie con persone disabili,  aventi un’ invalidità certificata al 75% e un Isee inferiore a 10mila euro. Un parametro quest’ultimo, che rende possibile una riduzione del 20% alle famiglie con 5 componenti.

Per i cittadini sarà possibile usufruire delle agevolazioni Tari, se l’importo Isee del 2021 (riferito al 2019, in ante pandemia)non è superiore al 20% rispetto all’Isee 2022(situazione patrimoniale 2020,in piena pandemia). “Tale criterio –spiega Moda- consente infatti di confrontare l’ISEE ante emergenza sanitaria (2019) con quello di fine emergenza, presumendo, ragionevolmente, che l’aggravamento possa essere, almeno in parte, legato agli effetti dell’emergenza sanitaria stessa” L’ agevolazione sarà pari al 100% della tassa totale 2022 (tariffa fissa e tariffa variabile) nel momento in cui sarà conteggiata a saldo, qualora la differenza tra gli indicatori ISEE appena citati  sia superiore o uguale al 20%. Quest’ultimo parametro, se risultasse  invece inferiore consentirebbe ai cittadini di poter usufruire dell’agevolazione del 50% del totale  tari  2022.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici