Aperta ai cittadini la chiesetta del cimitero.

ADRIA-(RO)-Aperta  all’utenza la chiesetta del cimitero. L’edificio era stato  chiuso nel  2018  in seguito al cedimento strutturale all’arcata della navata centrale che rese necessario un intervento di messa in sicurezza  nell’edificio  tanto caro alla cittadinanza, per la presenza di loculi ed ossari ricavati sulle  pareti  del fabbricato, risalente al 1920. Una chiesetta con la facciata   scandita da un portale ad arco segnato da un timpano con due paraste laterali, che riprendono il gusto monumentale del tempo, progettato dall’architetto Scarpari.

Per i lavori di messa in sicurezza dell’edificio  l’Amministrazione Comunale destinò dei fondi che poi vennero dirottati per  sistemare  il tetto della piscina comunale. In tempi record venne eseguito l’intervento al centro natatorio  per assicurare continuità del servizio pubblico alla cittadinanza. Con il nuovo bilancio previsionale del 2020 la questione dei fondi per la chiesetta, venne  trattata durante la discussione degli emendamenti nel consiglio comunale, datato maggio 2020, in pieno lockdown.  Un’occasione in cui la maggioranza spiegò ai consiglieri di minoranza che si trattava di un intervento necessario  per i cittadini che chiedevano di poter portare  dei fiori  ai loro cari scomparsi.

Per  quantificare le risorse economiche necessarie per mettere in sicurezza la chiesetta e avviare quindi la gara di appalto, gli uffici comunali  procedettero ad affidare a due tecnici, un ingegnere e  un geologo, le indagini geologiche e sismiche della chiesetta. Tutto questo subì degli slittamenti nei tempi, per le normative relative all’emergenza sanitaria  sul Covid. Uno studio che portò ad individuare le soluzioni di bonifica al fabbricato per un importo di 70mila euro. A quel punto vennero affidati i lavori, come previsto dalla normativa vigente, per la costruzione un cordolo in cemento armato sul lato nord dell’edificio, dove sono stati ancorati dei micropali necessari per riassestare le fondazioni. Eseguiti  dei   lavori di ricucitura delle pareti in laterizio per rendere sicuro staticamente l’intero stabile. Conclusa la messa in sicurezza della struttura, sono stati eseguiti altri lavori all’interno dell’edificio, terminati con la tinteggiatura di alcune pareti. “Ringrazio il Vice Sindaco Wilma Moda che gestisce la delega al bilancio, l’assessore ai lavori pubblici e ai cimiteri Marco Terrentin e l’ingegner Andrea  Portieri per l’impegno  profuso per recuperare questo importante luogo di saluto ai propri cari –commenta il Sindaco Barbierato- Oltre al recupero  dello stabile, si è provveduto a realizzare uno scivolo all’entrata della chiesetta per facilitare  l’accessibilità dei cittadini “

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici