Compagnia CC di Adria-Nuovo importante incarico istituzionale per l’Ufficiale dei Carabinieri.

Bassopolesine. Dopo quasi 5 anni al Comando della Compagnia CC di Adria è arrivato il trasferimento per il Capitano Davide Onofrio PAPASODARO. A giorni assumerà il Comando della Compagnia CC di Treviglio (Bergamo).

Nuovo importante incarico istituzionale per l’Ufficiale dei Carabinieri.

A giorni il Capitano dei Carabinieri Davide Onofrio PAPASODARO, classe 1977, originario di Milano, sposato e padre di un figlio di 3 anni, Francesco, nato proprio ad Adria, lascerà il Comando della Compagnia CC di Adria dopo quasi 5 anni di permanenza. Giunto nell’ottobre 2011 nel Bassopolesine, nell’Arma dei Carabinieri da circa 20 anni, laureato, già insignito della “Medaglia d’Argento per anzianità di servizio militare” e di “Medaglia di Bronzo al merito di Lungo Comando”, a breve assumerà il Comando della Compagnia Carabinieri di Treviglio, in provincia di Bergamo, un Reparto Territoriale dell’Arma che ha competenza su tutta la Bassa Bergamasca, comprendente complessivamente oltre 50 Comuni. L’Ufficiale dei Carabinieri avrà alle proprie dipendenze oltre 200 militari, più del doppio degli attuali, distribuiti tra le 13 Stazioni Carabinieri che compongono tale prestigioso comando lombardo ed il N.O.R. della Compagnia comandato da un Tenente. Si tratta di un incarico di maggiore impegno operativo in previsione della futura promozione al grado superiore. In questi anni di permanenza nel Bassopolesine diverse sono state le indagini di livello dirette e coordinate dal Capitano PAPASODARO, oltre a naturalmente alle investigazioni ordinarie per contrastare la criminalità diffusa presente sul territorio. Tra le inchieste più importanti si ricordano in ordine di tempo la Quadrifoglio (che portò all’arresto di un gruppo criminale dedito allo spaccio degli stupefacenti tra Padova e Rovigo; la “Marine Motors” (svolta unitamente alla Squadra Mobile della Questura di Rovigo che portò all’arresto di un sodalizio criminale di soggetti dell’Est Europa dediti al furto seriale di motori marini nel Delta del Po); la “PERSEO” (svolta unitamente alla GDF della Tenenza di Adria che portò all’arresto di un’associazione a delinquere dedita alle truffe seriali nel settore ittico e non solo tra il rodigino ed il veneziano); la “Dragone Giallo” (che portò allo smantellamento di un consolidato traffico di sfruttamento della prostituzione in casa gestito da cittadini cinesi che portò le indagini anche in Lombardia); ed infine “Adria Pulita”, l’ultima in ordine di tempo (che ha portato a disarticolare un fiorente giro di spaccio di droga nella città di Adria e non solo). A tutto ciò va poi aggiunto l’importante impegno investigativo profuso con lo SPISAL ed il Corpo Forestale dello Stato, per delega diretta della Procura della Repubblica di Rovigo, per il tragico infortunio mortale verificatosi nel Settembre 2014 alla COIMPO di Adria, il cui processo inizierà proprio il prossimo mese di Novembre.

Diverse, inoltre, sono state le attività di prevenzione svolte sul territorio h 24 con le 9 Stazioni Carabinieri dipendenti dalla Compagnia di Adria, più quella Temporanea di Rosolina Mare attiva durante il periodo estivo. In particolare si ricordano i costanti servizi coordinati a largo raggio svolti per il contrasto del fenomeno della guida sotto l’effetto dell’alcol e della droga, nonché i numerosi controlli interforze svolti per controllare gli esercizi pubblici e commerciali, ed in particolare quelli notturni (alcuni dei quali culminati anche con chiusure o sospensioni temporanee di attività). A tutto ciò, comunque, si sono altresì aggiunte le numerose conferenze effettuate nelle scuole di ogni ordine e grado svolte in tutti e 10 i Comuni del Bassopolesine sui temi della legalità, dell’educazione civica, del bullismo e del cyber bullismo, per la prevenzione dell’abuso dell’alcol, della droga e della ludopatia. Diversi analoghi incontri sono stati anche tenuti presso i centri di aggregazione giovanile del territorio, come pure i frequenti periodici incontri sulla sicurezza svolti nelle sale consiliari comunali o nelle frazioni. Particolare attenzione è stata poi posta anche negli incontri svolti presso le Università della 3^ età, nei centri anziani e nei circoli ricreativi per parlare di prevenzione alle truffe ed ai furti.

Nota istituzionale finale, in questi quasi 5 anni nel Bassopolesine, il Capitano Davide Onofrio PAPASODARO, quale Ufficiale dei Carabinieri, ha svolto altresì permanentemente il ruolo di Comandante della Compagnia di formazione interforze in occasione delle cerimonie istituzionali del 25 aprile, del 2 giugno e del 4 novembre svoltesi a Rovigo alla presenza di S.E. il Prefetto e delle massime Autorità della Provincia.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici