Buon Natale!

Paola Garbin si laurea con una tesi sul Vajont.

DELTA-“Ciò che sta accadendo in questi mesi con l’emergenza sanitaria è già stato impresso nella storia veneta con il disastro del Vajont, accaduto  il 9 ottobre del 1963. Due vicende diverse accadute a circa 60 anni di distanza nel nostro Veneto,  che sono causa di danni ingenti, fra questi il più importante è il numero dei morti, causati da una parte dalle goccioline infette, dall’altra, da un’onda che ha travolto e distrutto, lasciando  fango e macerie.

Ma la tragedia del Vajont insegna. La ricostruzione dei paesi bellunesi colpiti nel 1963, sono la dimostrazione di come l’uomo ha saputo rialzarsi, superando  la vicenda traumatica. Un chiaro esempio di resilienza comunitaria che trova la sua valenza nei tempi odierni.  Oggi, anche noi veneti siamo chiamati a resistere, a far fronte, a rinascere. E’ questa la resilienza, il saper rinascere a seguito di un’ esperienza dolorosa e trarne utilità per le eventualità future. ”Sono le parole di Paola Garbin, scritte in una lunga lettera al presidente della regione  Luca Zaia. Ma anche concetti discussi ieri  mattina dalla giovane laureanda polesana, proprio  in occasione della ricorrenza  della tragedia del Vajont, con una tesi sulla “resilienza di comunità: il caso Vajont” per il corso di laurea in scienze dell’educazione e della formazione, curricolo educatore sociale e animatore culturale dell’università di Padova.

Un lavoro di ricerca durato sei mesi,” iniziato –racconta la studentessa- con le prime visite a Longarone per la raccolta di tutta la documentazione cartacea, alla partecipazione di eventi commemorativi e la visita ai luoghi  adibiti al ricordo del disastro e alle interviste dei sopravvissuti, ai giovani “Informatori della memoria” e ai sindaci che si sono succeduti in questi anni”. Un elaborato minuzioso, curato nei particolari, per arrivare all’analisi dei fattori di resilienza propri della comunità di Longarone. Un esempio di storia che da spessore e contenuti ad una citazione di Primo Levi “L’eternità di un evento  risiede nella sua memoria e, come è stato per i grandi disastri del passato, così sarà per il Vajont, in quanto esplicativo della facoltà umana di superare tutte quelle circostanze apparentemente disperate che la vita, improvvisamente, pone”.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...