Buon Natale!

PORTO VIRO-“La psicologia del rock”-Andrea Montesano presenta il suo libro in biblioteca.

Mercoledì 6 giugno alle ore 18.30 presso la Biblioteca comunale di Porto Viro (RO) verrà presentato il libro “La psicologia del rock” con la presenza dell’autore, Andrea Montesano, giovane psicologo e chitarrista. L’incontro è promosso dall’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Porto Viro Marialaura Tessarin in collaborazione con la Cooperativa Titoli Minori la cui coordinatrice della Comunità educativa In-patto di Porto Viro, Alessandra Naccari, modererà il dibattito.

Con il suo libro l’autore ha cercato di rispondere a queste domande: “Perché la trasgressione in adolescenza coincide con l’ascolto di musica rock? Per quale motivo una canzone riesce a farci vivere emozioni forti? Che rapporto c’è tra psicologia e rock e cosa accade quando il mondo della musica incontra quello dell’adolescenza?”
“L’idea di partenza è stata quella di integrare il mondo della psicologia a quello della musica ascoltata, prodotta e vissuta dai giovani. La musica per loro è recipiente di sentimenti ed emozioni, forma di espressione e quindi linguaggio attraverso il quale comunicare e comunicarsi; è spazio in cui ogni ragazzo custodisce rap-porti e storie di vita, che vive sia nel proprio quotidiano sia nelle relazioni interpersonali.”
Un volume che spazia dagli studi americani di Bronfenbrenner e di altri padri della psicologia, attraversando i testi di Subsonica, Jovanotti, U2, Baustelle, Fedez e altri con sempre al centro il vissuto dell’adolescente tra ricerca di identità e ispirazione ai suoi miti musicali. “La musica – continua l’autore – si inserisce perfettamente come medium nell’incontro fra gli adolescenti e i loro bisogni più profondi di vivere emozioni da (s)ballo. Quando avviene quest’unione e la musica penetra in maniera prepotente nella quotidianità di un ragazzo, non c’è tempo, luogo, o barriera che possa impedire al ragazzo stesso di viverla attraverso le modalità che sente più adatte a sé. Ecco perché l’ascolto di musica in adolescenza è correlato alla partecipazione a eventi di massa, all’uso di sostanze psicoattive o alla ricerca di adulti che possano prestare tempo e volontà ad ascoltare i loro bisogni nascosti nel brano di un artista.”

Difatti, il volume è stato concepito come uno strumento pensato per supportare psicologi, educatori e counselors che lavorano quotidianamente a stretto contatto con ragazzi e ragazze ma, al contempo, è anche rivolto a genitori e figli che vogliono conoscere e conoscersi meglio attraverso i testi dei grandi miti del rock. Una lettura interessante anche per chi vuole capire il perché in adolescenza, nella propria cameretta, ascoltava un certo tipo di musica.


Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...