VINCONO IL CONCORSO “PRESEPI IN CHIESA”VALLIERA A BOTTRIGHE AD EX AEQUO.

ADRIA-(RO)-Sabato 21 gennaio 2023  si è svolta presso la Chiesa parrocchiale Santuario Madonna dell’Autista di Valliera la cerimonia di premiazione della 22^ edizione del “Concorso Presepi in Chiesa” iniziativa promossa  dalla Pro Loco di Adria con il patrocinio del Comune di Adria. Il Concorso dal gennaio 2020 è intitolato a Mons. Francesco Dal Passo a cui era molto caro questo mirabile segno del Natale. A far gli onori di casa Don Fabio Finotello parroco della Comunità di Valliera insieme alla vice Sindaco Wilma Moda, alla presidente della Pro Loco Letizia Guerra, alla vice presidente Silvia Trevisan,. Presenti anche Alessandro Cannatà, Lucia Tiozzo (segretario della Fondazione Franceschetti e Di Cola) in qualità di componenti della giuria e i vari esecutori dei Presepi nelle Chiese del Comune di Adria partecipanti al Concorso. Non potevano mancare, poi,  Carlo Braga,  figlio di Mara Crepaldi, e Monica Stefani, figlia di Luigi Stefani, per la consegna dei premi speciali dedicati ai loro genitori.

Dopo il canto introduttivo proposto dalla Corale parrocchiale di Valliera, prima di procedere con la lettura del verbale, la presidente Letizia Guerra ha ricordato il consigliere della Pro Loco Roberto Naldini scomparso in questi giorni, molto legato a questo Concorso tanto da avervi partecipato anche come membro della commissione negli anni passati in rappresentanza dell’Associazione. Si è menzionato anche Aldo Guido Varolo mancato alcuni mesi fa, uno dei fautori di questa iniziativa promossa a partire dall’anno 2000, evidenziando che si dovrà trovare un modo per ricordare questo suo impegno. E’ stato sottolineato, infine, che, pur essendoci due Presepi classificati primi a pari merito, è stata scelta la Chiesa di Valliera in accordo con i parroci di Valliera e di Bottrighe, in quanto è la prima volta che il Presepe di questa Chiesa raggiunge questo risultato. La giuria composta dagli artisti Alessandro Cannatà, Tommaso Lucadamo, Silvia Trevisan e  da Lucia Tiozzo (segretario della Fondazione Franceschetti e Di Cola) ben comprendendo le difficoltà a cui sono andati incontro i vari realizzatori delle varie Natività si è congratulata con tutti gli ideatori ed esecutori delle varie sacre rappresentazioni.

Questi i risultati: 1° premio ex aequo: Il Presepe della Chiesa Parrocchiale Santuario Madonna dell’Autista di Valliera si distingue per un allestimento di buona qualità artistica. Efficace la cura dell’illuminazione e dei suoni che creano un’atmosfera davvero molto suggestiva e coinvolgente.. 1° premio ex aequo: Il Presepe della Chiesa Parrocchiale San Francesco di Bottrighe si distingue per un allestimento curato nei minimi particolari e soprattutto nella prospettiva. 2° premio: Il Presepe della Basilica Santa Maria Assunta di Adria per un allestimento di tradizione, semplice e suggestivo. 3° premio ex-aequo: Il Presepe della Chiesa Parrocchiale San Giorgio di Mazzorno Sinistro per un impianto ispirato alle vecchie case del paese come a voler mantenerne vivo il ricordo creando un legame fra passato e presente. 3° premio ex aequo: Il Presepe della Cristo Divin Lavoratore per un allestimento che mette al centro la Natività e che avvolge l’osservatore includendolo nella rappresentazione

Il riconoscimento intitolato a Daniele Cattozzo, artista e pittore, che si era distinto nell’arte presepiale e nel restauro di antiche statue, è stato assegnato al Presepe della Chiesa Cattedrale di Adria per la composizione realizzata attraverso l’assemblaggio di vari Presepi di buona fattura. Il premio speciale dedicato alla memoria di Mara Crepaldi che, in veste di presidente della Consulta della Cultura aveva promosso nell’anno 2000 l’istituzione del Concorso “Presepi in Chiesa”, unitamente all’assessore all’Associazionismo di quegli anni, Aldo Guido Varolo, è andato al Presepe della Chiesa di San Vigilio realizzato dai cresimandi, utilizzando diversi simbolismi. Il premio speciale dedicato alla memoria di Luigi Stefani, ex presidente della Pro Loco, che ha contribuito alla valorizzazione delle tradizioni tra cui la realizzazione del Presepe è stato assegnato, invece, al Presepe della Chiesa Parrocchiale Beata Vergine delle Grazie di Fasana che ha realizzato una composizione di tradizione con degli elementi di originalità. Da tutti è partito un appello affinché si possa trovare il modo di avvicinare i giovani a quest’arte che, a detta dei realizzatori, dona emozioni ed aiuta a tornare bambini.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici