Buon Natale!

Conto alla rovescia per le celebrazioni del 70°anniversario della grande alluvione.

ADRIA-Fervono i preparativi per la ricorrenza del 70° anniversario della grande alluvione, con appuntamenti già  inseriti nel calendario unico degli eventi, grazie al lavoro di squadra tra il Sindaco Omar Barbierato, gli  Assessori Matteo Stoppa, Andrea Micheletti, la consigliera Oriana  Trombin, la Pro Loco,  la consulta della cultura, le associazioni coinvolte e gli uffici comunali per le varie competenze.

Le manifestazioni inizieranno dalla sala Cordella della città etrusca sabato 6 novembre con l’inaugurazione della mostra di  elaborati realizzati dagli alunni che frequentano gli istituti scolastici della città e alle 10.45  seguirà, in sala consiliare e diretta streaming, la testimonianza di Enzo Fusaro. Diversi i momenti salienti culturali  già consultabili sul sito della Pro Loco e del comune di Adria, che coinvolgeranno anche le frazioni. Particolare  sarà la giornata dell’11 novembre, con la video conferenza con la città amica di Chieri (To), al mattino, sul tema “i frutti del Polesine in Piemonte”, e la seduta solenne e straordinaria  del consiglio comunale alla sera.

Le  manifestazioni in calendario toccheranno anche la frazione di Ca’ Emo dove sarà allestita,  dal 12 al 21 novembre, nella ex scuola elementare, la mostra fotografica sull’alluvione, curata dall’associazione culturale   “Don Giuseppe Tinello “ e dell’Unità Pastorale Ca’ Emo-Fasana-Botti Barbarighe. L’inaugurazione sarà prevista il 12 novembre  alle ore  16. Nella giornata  del 13 novembre all’ostello Amolara sarà previsto il convegno organizzato da Arci Rovigo  e Istpolrec “Giacomo Matteotti”, sul progetto “radici del contemporaneo edizione 2021-2022”,   con una scaletta di relatori illustri  coordinati da Antonio Lodo. Il 14 novembre la giornata sarà  significativa per gli appuntamenti scanditi  in via Dante  e  al teatro Comunale, tra interventi commemorativi e il concerto del conservatorio musicale A. Buzzolla alla sera. 

Altro appuntamento, in ricordo dell’alluvione del 1951, sarà organizzato dalla locale Pro Loco, alla sala Cordella, nel pomeriggio del 16 novembre, seguito dalla passeggiata a tema  “per non dimenticare …”, luoghi e ricordi dell’alluvione.  La sera del 20 novembre, nella chiesa di Fasana, il coro Soldanella  si esibirà con brani per ricordare Benito Cassetta, fondatore della fameja di Chieri e il 21 novembre, alle ore 16, al centro parrocchiale di Ca’Emo, Monica Stefani condurrà il pubblico sull’onda dei ricordi e testimonianze dell’alluvione.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...