Adria – il restauro del sottotetto restituisce 1100mq al Comune

Adria – Il Sindaco Massimo Barbujani orgogliosamente mostra i nuovi ambienti del Comune di Adria alla gente ed ai giornalisti, definendoli moderi e sicuri. I nuovi 1100mq inaugurati sabato 19 sono al quarto piano di Palazzo Tassoni, e sono frutto del restauro dei sottotetti dismessi da anni del palazzo comunale e del vicino Palazzo Cordella, e segnano il ritorno nella casa dei cittadini adriesi di numerosi uffici che per carenza di spazio erano stati collocati nella parte posteriore dell’edificio del Centro Commerciale Il Porto.

Questa operazione è sicuramente una delle più importanti che sia riuscito a portare a termine il Sindaco Barbujani, anche grazie ad un finanziamento regionale, che a fronte di una spesa di 1,5 milioni di euro, porteranno ad un risparmio in termini di affitti di oltre 100 mila euro ogni anno.

Il restauro ha interessato circa 650 mq di palazzo Tassoni, con un primo stralcio per mettere in sicurezza la copertura danneggiata ed adeguare la muratura portante, ed un secondo stralcio per la realizzazione delle finiture, dei servizi, degli infissi e degli impianti tecnologici. Stessa procedura, aggravata dalla necessità di sostutuire anche le travi di sostegno del tetto oramai inutilizzabili, per il recupero dei 450mq di sottotetto di Palazzo Cordella.

Dalla sala più grande tra quelle restaurate, ed intitolata ad Irene Federighi, una dipendente comunale molto amate e venuta a mancare del 2009, Barbujani ha ringraziato tutti quelli che hanno reso possibile questa opera, dall’ex consigliere Mauro Mainardi, grazie al quale si è ottenuto il finanziamento regionale, a tutti i progettisti ed operai che hanno partecipato al cantiere. Per Barbujani un amministrazione ha bisogno di tempo per poter realizzare cose buone, e i 5 anni necessari per questo intervento sono un sogno che si realizza… ma non l’unico sogno di questo sindaco, che già pensa ad un altro ambizioso progetto come quello della cittadella della Cultura

 

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici