Giovanni Ricci e Agnese Moro ricevuti dal sindaco Thomas Giacon.

IMG-20160424-WA0011 IMG-20160424-WA0012(Porto Viro, 24 Aprile 2016)Il sindaco Thomas Giacon ha ricevuto nella mattinata di venerdì 22 Aprile  a palazzo municipale Agnese Moro e Giovanni Ricci, i relatori della lezione di storia contemporanea rivolta agli studenti di terza media dell’istituto comprensivo di Porto Viro e dell’istituto superiore C.Colombo intitolata “la nostra storia:16 Marzo 1978”. Un evento culturale organizzato dall’associazione nazionale carabinieri con il patrocinio del comune di Porto Viro. Nel corso della visita istituzionale, avvenuta prima dlel’incontro con gli studenti, il primo cittadino ha omaggiIMG-20160424-WA0010ato Agnese Moro con la delibera del consiglio comunale del 29 dicembre 1978IMG-20160424-WA0009, in cui venne decisa l’intitolazione della scuola elementare di via Nello Fregnan al padre di Agnese, Aldo Moro e consegnate due teche contenenti ciascuna una chiave simbolica accompagnate dalla seguente frase scritta dal sindaco ”Una chiave necessaria per aprire un cassetto della memoria nella storia d’Italia”.

Per una nazione colpita nel cuore dalle azioni terroristiche delle brigate rosse. Tra queste   la strage di via Fani a Roma, avvenuta il 16 Marzo 1978, in cui venne rapito Aldo Moro e  uccisi i cinque uomini della scorta e il 9 Maggio, quando fu ritrovato senza vita  lo statista. Due episodi, raccontati agli alunni di Porto Viro da Giovanni Ricci, figlio di Domenico, l’autista della scorta di Aldo Moro e la figlia dello stesso.”Siamo onorati di avervi a Porto Viro- ha detto il primo cittadino Thomas Giacon– perché siamo certi che trasmetterete ai nostri studenti, alcune  pagine di storia contemporanea della nostra Italia, attraverso le vostre esperienze di vita”.E così è stato.

(Guendalina Ferro-servizio informazione del comune di Porto Viro) riproduzione riservata

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici