Calendario “Curvy Woman 2023”-Body shaming, autostima e tacchi a spillo-Un capolavoro con le modelle curvy.

PORTO VIRO – C’è anche Barbara Braghin di Porto Viro nel calendario “Curvy Women 2023” delle Boteriane in the World. Body shaming, autostima e tacchi a spillo.

Con questi ingredienti è uscito questo calendario, un capolavoro, seguito nei minimi dettagli da Laura Panigatti, esperta di moda e da anni organizzatrice di eventi. Finalmente il modo della moda si è aperta anche a un nuovo concetto di modella, dove non contano né l’età, e né la taglia.

E’ stata davvero una bella esperienza partecipare al calendario – afferma Barbara Braghin -. Laura Panigatti mi ha invitato al Castello di Casiglio con altre modelle. Abbiamo cambiato diversi vestiti, c’erano la truccatrice e la parrucchiera che ci hanno creato il look. Il fotografo Ettore Tagliabue ci ha quindi immortalato con scatti fotografici ben studiati. La foto di copertina è stata fatta invece alla 7 di mattina davanti al Duomo di Milano”. Dodici donne, provenienti da tutta Italia, hanno posato in location di lusso, tra le quali al Castello di Casiglio di Erba; a Villa La Clerici di Erba; al Multiset studio Bicocca di Milano; all’hotel Altido Galleria di Milano. Un lavoro certosino durato mesi, che si è concluso a luglio, con lo scatto finale delle dodici modelle curvy, davanti al Duomo di Milano. Numerosi gli scatti del fotografo Ettore Tagliabue che ha immortalato le curvy valorizzandole al massimo. Tra le modelle curvy Barbara Braghin, di Porto Viro (Rovigo) che, nel calendario, rappresenta il mese di gennaio. Maria Gallo di Napoli, febbraio. Deborah Jessica Tufano, di San Giuliano Milanese (Milano), marzo. Isabella Lodi, di Bologna, aprile. Debora Bellini, di Civitavecchia (Roma), maggio. Elisabetta Giordano, di Castelnuovo Scrivia (Alessandria), giugno. Laura Antonella Paradiso, di Fiumefreddo di Sicilia (Catania), luglio. Fabiana Saviano, di Treviso, agosto. Alessandra Botto, di Genova, settembre. Alessandra Peluso, di Cesano Maderno (Monza Brianza), ottobre. Valeria Mallardi, di Limbiate (Monza Brianza), novembre. Francesca Angelo, di Corsico (Milano), dicembre. All’interno del calendario anche l’immagine dell’opera “Divina” di Luna Berlusconi. Questa una parte del messaggio nel calendario: “Divina, Venere curvy. In occasione della Milano Fashion Week, Luna Berlusconi ha ricevuto la proposta di produrre una grande opera da collocare a palazzo dei Giureconsulti, per gli eventi e le sfilate dedicate a tema, di emergente rilevanza sociale, dell’immagine della donna curvy”. Boteriane in the World, la cui founder presidente è Laura Panigatti, la vice presidente è Carla Rubino, la segretaria è Deborah Jessica Tufano, è un progetto che nasce dalla volontà di rivolgersi al mondo delle donne il cui aspetto, florido e abbondante nelle forme, sottolinea e rimarca con orgoglio come l’imperfezione può trasformarsi in uno strumento di fascino.  

 

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici