CARABINIERI CHIOGGIA (VE). Controlli della stagione estiva.

CHIOGGIA-(VE)-Nelle ultime due settimane, vari sono stati i controlli messi in atto dai Carabinieri della Compagnia di Chioggia.

Con l’apertura della stagione estiva e la moltitudine di turisti, i controlli sono stati concentrati al contrasto della vendita ambulante e alle violazioni in materia di pesca, trasporto e commercializzazione di prodotti ittici, per la tutela dei cittadini e del cibo distribuito ai ristoranti.

Veniva sanzionato amministrativamente un ristorante ubicato all’interno di un lido balneare, poiché dai controlli in cucina e in magazzino, i militari constatavano come tenesse vongole, mazzancolle, tonno, salumi e latticini in contenitori privi di etichettatura attestante la loro provenienza, quindi sprovvisti di tracciabilità di filiera. I prodotti alimentari sequestrati, aventi peso di circa 15 kg, e valore commerciale di 200€, sono stati avviati allo smaltimento e le sanzioni amministrative ammontano a 1500€. Pochi giorni dopo un altro bar-ristorante all’interno di un altro lido è stato sanzionato per gli stessi motivi: pesce di vario tipo, affettati e formaggio non tracciabili come previsto dalle norme di settore. Stessa sanzione prevista, nonostante i prodotti fossero il doppio, circa 30 kg, per un valore di 500€.

Molto più alto invece il valore di quanto sequestrato al conducente di un furgone, controllato mentre trasportava 400 kg di vongole veraci sprovviste della documentazione d’accompagnamento prevista dal Regolamento CE, suddivise in 12 ceste. Il valore commerciale al consumatore finale sarebbe stato di 6800€. In questo caso, essendo le vongole ancora vive, sono state rigettate in laguna per il ripristino del ciclo vitale. Un altro settore in cui si stanno concentrando i controlli è quello del commercio ambulante. I militari, nel corso di due servizi mirati, hanno recuperato 4 sacchetti di merce destinata alla vendita abusiva sulle spiagge, tra cui asciugamani, bracciali, collane, accessori vari, occhiali, cinture, marsupi e borse, anche contraffatti, per un totale di 600 articoli, del valore di 6500€. Le buste sono state recuperate dopo esser state abbandonate da 4 rispettivi venditori abusivi che, alla vista dei militari si sono dati a precipitosa fuga.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici