Porto Viro-“Dalle ferite all’incontro”evento del 21 ottobre, palazzetto dello sport,ore 21.

14495230_1679308095729382_4231753575548421072_nPorto Viro – Nell’ambito delle iniziative  dell’anno giubilare  sul tema della misericordia e del perdono si svolgerà il prossimo 21 ottobre al palazzetto dello sport di Porto Viro un convegno intitolato  “Dalle ferite all’incontro”. Ad organizzare l’eventoAss.Naz.Carabinieri patrocinato dalla regione Veneto, l’Associazione Nazionale Carabinieri del Delta del Po e il centro salesiano di San Giusto “Si tratterrà di un incontro-spiega Don Nicola Munari– in cui coloro che hanno vissuto in prima persona un’esperienza traumatica, si raccontano, parlano di chi ha portato via loro i propri cari e del cammino  che hanno intrapreso per arrivare al perdono”. “L’idea dell’evento infatti -prosegue Don Nicola Munari- è nata in seguito alla lezione di storia contemporanea, curata dall’associazione Nazionale Carabinieri di Porto Viro, tenuta da Agnese Moro e Giovanni Ricci,per i ragazzi delle scuole di Porto Viro, lo scorso aprile. Da qui l’idea di un incontro particolare dove  le testimonianze autorevoli della socio psicologa  Agnese Moro, figlia dello statista  Aldo Moro, del criminologo  Giovanni Ricci figlio di Domenico, appuntato dei carabinieri ucciso nell’attentato di via Fani, incontreranno, dopo un  cammino con il padre gesuita Guido Bertagna, Maria Grazia Grena,  appartenente ad una organizzazione di lotta armata negli anni settanta”.

“Scopo dell’incontro –prosegue  Don Nicola Munari- quello di educare i giovani ad una legalità dove il male non si contrasta con altro malSporte, ma con la forza del perdono “ L’ incontro  tra l’ex terrorista e le vittime, già avvenuto in  incontri pubblici trova  voce ne “il libro dell’incontro”curato dal padre gesuita  Guido Bertagna, Adolfo Ceretti docente di criminologia e Claudia Mazzuccato docente all’università di Cattolica.

Ingresso gratuito la cittadinanza è invitata.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici