TRA VILLE E GIARDINI XXIII-TUTTO L’UNIVERSO DI GIOVANNI TRUPPI Da Battiato al grunge, il percorso di un talento senza etichette.

POLESELLA (RO) – Per i più è una piacevole scoperta di Sanremo 2022, dove ha vinto il Premio Lunezia e la targa Mei come miglior artista indipendente con il brano “Tuo padre, mia madre, Lucia”; ora Giovanni Truppi, il talentuoso cantautore partenopeo, col suo tour “Tutto l’universo” fa tappa a Tra ville e giardini XXIII, il palcoscenico estivo del Polesine. Il concerto, che ripercorre la carriera e l’album antologico “Tutto l’universo” (2022, Virgin Records/Universal Music Italy) è programmato il 31 luglio 2022, alle 21.30, a Polesella (Ro), nel parco della maestosa Villa Morosini. La line-up ha una formazione rinnovata: Giovanni Truppi, piano, chitarra e voce; Alessandro “Asso” Stefana (Vinicio Capossela, PJ Harvey, Guano Padano, Mike Patton) chitarre e pianoforte; Fabio Rondanini (Calibro 35), alla batteria; Luca Cavina (Calibro 35) al basso. Una particolarità: il piano usato da Giovanni Truppi è uno strumento di sua ideazione, ottenuto modificando un piano verticale, di dimensioni inferiori allo standard, smontabile, ed elettrificato tramite una serie di pick-up che gli permettono di amplificarlo. 

L’album antologico è l’ultima tappa del percorso di questo cantautore, paroliere e musicista, completamente fuori dagli schemi, che prima di Sanremo, aveva già una gavetta di dodici anni di carriera, quattro album di inediti, un Ep e varie collaborazioni di prestigio. Al Festival appare come una visione: sentori jazz-rock-punk-cantautorato, abilità di scrittura, parole e concetti ricercati, inventiva metrica sono la sua firma. Si capisce subito che ha un background di letture, studio e ascolto non comuni. “Fin da piccolo ascoltavo musica, quella dei miei genitori – dichiara candidamente. – I cantautori classici italiani, De André, Dalla, Battiato… poi nell’adolescenza ho ascoltato anche altro, un po’ di tutto, il grunge, la musica anni ‘90”. Sì, perché Truppi è classe 1981. Questo “Tutto l’universo”, racchiude la sua essenza artistica, rappresenta il punto del percorso cui è giunto. E a che punto siamo? Truppi è di una genuinità e semplicità spiazzanti. “Non saprei – risponde – Sto lavorando al mio nuovo disco e sto ancora cercando di capire dove sto andando. Diciamo che è una tappa. Ogni lavoro è solo una tappa. Mi ispiro alla vita di tutti i giorni, a quello che vivo anche indirettamente attraverso il racconto altrui, a quello che ascolto, e che mi pare valga la pena di raccontare attraverso una canzone”. Verrebbe da citare Battiato: “Quant’è difficile restare calmi e indifferenti quando intorno tutti fanno rumore”. La partecipazione a Sanremo, non cambia di una virgola la sua scrittura. Nessuna sterzata verso la musica mainstream, come qualche critico ha sostenuto. “Il fatto che le mie canzoni abbiano interessato Sanremo – commenta Truppi – mi ha fatto piacere. Se posso essere me stesso non mi precludo nessuna platea. Anche perché Sanremo è un pezzo d’identità culturale italiana. Negli ultimi anni è diventato molto inclusivo. È come un ‘parlamento della musica’ dove tutti sono rappresentati: la mia quota è in minoranza, ma c’è”. Se gli si dice di essere un miraggio nel generale panorama musicale di grande appiattimento e grettezza culturale, lui ringrazia lusingato, quasi scusandosi e ribatte: “La musica italiana sta vivendo una stagione che non si vedeva da 50 anni: ci sono molte realtà che realizzano cose fuori dai riflettori e che vale la pena di ascoltare. Ci sono moltissimi artisti interessanti, ricerca di linguaggi nuovi, cross-over di linguaggi, una rifioritura del cantautorato e del rap, che è sempre molto importante”

La scaletta del concerto prevede tanti brani della decennale lunga carriera del cantautore napoletano, a partire dalle canzoni di “Tutto L’Universo” (15 tracce), che comprende i due brani cantati a Sanremo: quello in gara “Tuo padre, mia madre, Lucia” e “Nella mia ora di libertà”, la cover del brano di De André interpretata insieme a Vinicio Capossela con Mauro Pagani. Ci sarà però anche una sorpresa per il pubblico di Polesella: la possibilità di sentire dal vivo in anteprima qualche pezzo inedito, del prossimo album che non vedrà la luce prima del 2023. Info biglietti su www.enterovigofestival.it. Prevendita su www.diyticket.it.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici