Porto Viro-Don Sandro Dordi

 

Thomas Giacon

Porto Viro, 14 Dicembre 2015) “Ho conosciuto Don Sandro Dordi attraverso i racconti di mia nonna che lo conobbe quando era sacerdote a Taglio di Donada dopo l’alluvione. Una persona umile  che amava stare insieme alla gente, lavorando con loro. Sotto certi aspetti lo paragono a Don Italo, il padre salesiano di Scalon che ho conosciuto e di cui ricordo il suo modo particolare di fare catechesi. Un parroco speciale Don Sandro Dordi al punto che papa Francesco ha deciso per la sua beatificazione”. Sono le parole del sindaco Thomas Giacon durante la serata dell’11 dicembre organizzata alla sala Frassati dal centro missionario diocesano diretto da padre Giancarlo Piovanello .

20151211_223935Un momento di aggregazione che fa seguito alla significativa    liturgia di beatificazione di Don Alessandro Dordi, presieduta da Monsignor Luis Bambaren ,   nella diocesi di Chimbote a Santa in Perù lo scorso 5 dicembre, in concomitanza  con la santa messa celebrata da monsignor Dino De Antoni, arcivescovo emerito di Gorizia, nella chiesa di Taglio di Donada dove attualmente  è presente la  reliquia del sangue del martire beato con una nuova immagine e dal 2012, negli spazi antistanti la chiesa, una statua di bronzo in scala reale del missionario bergamasco con la  bicicletta. Un personaggio  raccontato oltre che dal sindaco anche  dalla delegazione clodiense e dai fedeli della vicaria di Loreo che lo hanno conosciuto e seguito nei suoi anni di ordinazione sacerdotale.
“Il missionario bergamasco arrivò nel 1954 all’età di 23 anni, a un mese dalla sua ordinazione sacerdotale per poi essere assegnato alla parrocchia  Mea di Contarina e infine al Centro di formazione professionale  di San Giusto a Donada, dove rimase fino al 1964, nei duri anni del post-alluvione”racconta Pierluigi Bellemo, nel corso della serata –
“Successivamente per 14 anni, -prosegue  Bellemo- Don Sandro lavorò tra gli immigrati in Svizzera per poi essere chiamato in Perù dove, il 25 a20151211_225335gosto 1991,dopo aver  servito per 12 anni i più poveri in nome del vangelo, fu assassinato per mano di implacabili terroristi di Sendero Luminoso, movimento rivoluzionario filomaosta”.
A descrivere la figura di Don Sandro Dordi, le testimonianze  proiettate  per il pubblico che gremiva la sala e quelle dirette di Don Alfonso Boscolo, Don Giuliano Marangon, Paola Catuzzo, Paolo Perazzolo e alcuni fedeli di Taglio di Donada. A chiudere la serata il vescovo Don Adriano Tessarollo che ha definito l’incontro una lezione di teologia pastorale descritta  attraverso il racconto di tante piccole cose ed episodi del percorso di vita di Don Sandro Dordi, pastore capace di esempi di carità.

Guendalina Ferro

Servizio Informazione Comune di Porto Viro

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici