Porto Viro-Genni Albertin “Archeologie del presente”

GENNI ALBERTIN

“Archeologie del presente”

 03 ottobre – 01 novembre  2015

OSTERIA di Ca’ Cornera

Stazione di sosta nel delta del Po

Località Ca’ Cornera, 3 – Porto Viro (Ro)

Tel. 0426 325006 – cell. 342 7518571

 

La fortuna di Genni Albertin, che  probabilmente è una delle più a apprezzate giovani fotografe polesane, la dice lunga su quello che ci si aspetta dall’arte. Di sicuro l’espressione artistica contemporanea ha definitivamente divorziato dalla bellezza e ha l’ossessione di mappare, catalogare, documentare, archiviare: memorie di un mondo precario.

La fotografia di Genni Albertin è primariamente esplorazione e ricognizione di scenografiche rovine architettoniche. Quasi fosse un rabdomante di visioni, per un racconto sulla fragilità della nostra esistenza, scatta lavori disabitati e silenziosi per celebrare  queste sue archeologie del presente.

Sistematica, rigorosa, incline ad immagini dove l’obiettivo è sempre centrale rispetto lo spazio. Ha messo a punto un occhio personalissimo che mira alla schiettezza della visione giocando con le simmetrie architettoniche, con la serialità degli elementi. Ogni dettaglio è perfettamente a fuoco producendo uno strano effetto sull’osservatore, a metà tra lo struggimento e la contemplazione. Certo c’è qualcosa di sacrale nelle sue fotografie, trasmettono allo stesso tempo serenità e inquietudine dove gli spazi appaiono come luoghi in cui perdersi… 

Settembre 2015 Gianpaolo Gasparetto                                                                                                          

Genni Albertin è nata nel 1980 a Porto Viro dove tutt’ora risiede. E’ vivo in lei, fin dall’infanzia, l’interesse per  il mondo delle immagini. Già a quattordici anni, con la sua prima macchina  analogica, lo sguardo era rivolto verso l’insolito. Dal 2009 ad oggi, la sua ricerca fotografica viene pubblicata e incontra riconoscimenti da parte della critica. Nell’aprile 2015 con il lavoro “Paesaggi perduti” viene ospitata a Fratta nella Villa Palladiana “La Badoera”.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici