Costa di Rovigo-Successo per il concerto dell’antivigilia di Natale.

XIV rassegna “Antichi Organi del Polesine” A Costa di Rovigo la chiesa di S. Rocco gremita per l’organista Carlo Benatti.

Tra le molteplici proposte che caratterizzano il calendario di queste ultime festività natalizie trova particolare risalto il concerto svoltosi venerdì 23 dicembre a Costa di Rovigo, nella chiesa di San Rocco, a conclusione della XIV edizione della rassegna “Antichi Organi del Polesine”. La manifestazione, organizzata da Asolo Musica e inserita nel circuito regionale “Cantantibus Organis”, è stata realizzata grazie al finanziamento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, della Regione Veneto, della Provincia di Rovigo e dei Comuni di Costa di Rovigo, Adria, Lendinara, Porto Tolle, Rovigo, Villanova del Ghebbo, con il sostegno economico di RovigoBanca. In prossimità del Natale, il desiderio di ascoltare melodie natalizie è certamente un momento di vera attesa per gli amanti della bella musica. Se poi a creare questa caratteristica atmosfera di festa è l’organo – che Mozart definiva il re degli strumenti – tanto più emozionante sarà l’attesa. Tutto questo è avvenuto grazie al M° Carlo Benatti che, alle tastiere del prezioso organo costruito da Gaetano Callido nel 1782, ha regalato al numeroso pubblico presente momenti di vera serenità e bellezza. Lo strumento di questa chiesa, ricco di effetti coloristici propri della cultura organistica sette/ottocentesca, grazie al pregevole restauro effettuato qualche anno fa, possiede tutta le caratteristiche foniche tipiche di Gaetano Callido, rinomate per la loro trasparenza ed espressività. Nel corso della serata è stato proposto un repertorio di musiche a tema natalizio di grande rilievo costituito prevalentemente da pastorali tratte dalle varie epoche, dal XVIII secolo fino ai giorni nostri. Le composizioni eseguite sono risultate adatte allo storico strumento custodito nella graziosa chiesa di “Costiola”. Grazie ad una oculata scelta dei registri da parte dell’organista mantovano, le caratteristiche timbriche dell’organo sono state messe in risalto e le sonorità sono apparse alquanto equilibrate.

Ad aprire la serata i saluti del parroco Don Daniele Bragante che, nell’esprimere viva soddisfazione per l’evento inserito appieno nel cammino di preparazione al Natale, ha sottolineato come questa sia una bella occasione per dare voce ad uno strumento che purtroppo ha poche occasioni per essere suonato ed ascoltato. A rappresentare l’amministrazione comunale erano presenti il sindaco, Antonio Bombonato,  l’assessore alla cultura, Moira Ferrari. Entrambi nel loro intervento hanno ringraziato l’associazione Asolo Musica per avere organizzato un concerto di grande levatura artistica, capace di far conoscere il prezioso organo Callido conservato nella chiesa di San Rocco. A portare il saluto anche Ferdinando Pezzuolo, consigliere di RovigoBanca, il quale ha ribadito lavolontà dell’istituto di credito cooperativo di volere contribuire, attraverso il sostegno concesso alla rassegna, alla valorizzazione dei pregiati strumenti storici conservati in diverse chiese del nostro territorio. Un’esecuzione perfetta quella del M° Carlo Benatti, che ha dimostrato di essere un organista ai massimi livelli, capace di fornire quelle emozioni senza tempo che solo la grande musica sa regalare. Coinvolgimento assoluto del pubblico durante l’intero concerto con applausi scroscianti alla fine di ciascuno dei brani eseguiti. A ricordo della serata il M° Benatti ha ricevuto in dono dal sindaco Bombonato una pubblicazione relativa alla storia locale e dal parroco un quadro raffigurante l’organo Callido.  G.F.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici