Buon Natale!

IL comitato di Italia Viva Rovigo argomenta sulla gestione dello stadio Gabrielli.

ROVIGO-Dagli organi di stampa si prende conoscenza della questione che riguarda la gestione dello stadio cittadino, cosa questa che, apparentemente, sembrerebbe non dover interessare la politica, ed invece, da quello che si legge, la vicenda rischia di coinvolgere l’attuale amministrazione di Palazzo Nodari, più di quanto ci si potesse immaginare.

La lettera aperta, apparsa integralmente su un quotidiano della città, che la società Grandi Fiumi Rovigo Calcio ha inviato ai consiglieri comunali, evidenziante numerose criticità che direttamente coinvolgono chi ha gestito l’impianto di Viale Tre Martiri, infatti, chiama direttamente in causa la politica, perché non di una struttura privata si tratta e le inadempienze indicate sono, a nostro avviso, gravi, oltre che datate.

ITALIA VIVA ROVIGO non entra nel merito di come è stato gestito lo stadio in questi anni, anche se ritiene che, pure su questo versante, andrebbe fatta luce, perché troppe società si sono avvicendate, anche di fuori città facendo attività, sembra, grazie a deroghe da parte del Comune, per gli ormai noti problemi dell’impianto. Il nostro Comitato intende però invitare in primis l’Assessore allo Sport, e comunque l’intera amministrazione a far luce su quanto scritto e ad approfondire gli argomenti evidenziati nella lettera aperta.

Accertate queste inadempienze, ITALIA VIVA ROVIGO si chiede come sia possibile rinnovare, seppur temporaneamente, l’utilizzo di una struttura pubblica a chi, palesemente, non ha rispettato le prescrizioni dettate, anche a tutela dei propri tesserati e dei frequentatori della struttura.

ITALIA VIVA ROVIGO osserva che la buona amministrazione debba necessariamente passare anche attraverso scelte che, come in questo caso, potrebbero sembrare per qualcuno contrarie allo sport, ma invece vanno proprio nella direzione del rispetto di chi lo pratica, oltre che delle regole e della trasparenza degli atti amministrativi.

ITALIA VIVA ROVIGO, infine, concorda con la posizione assunta dal Consigliere comunale Mattia Milan che pone l’accento sulla messa in sicurezza dell’impianto e sulla necessità di fare tutte quelle opere necessarie a rendere “appetibile” oltre che fruibile l’intera struttura, ritenendo non sufficiente l’intervento ipotizzato dalla Giunta Comunale, che dimentica altre carenze e criticità presenti che, se non trovassero soluzione, potrebbero pregiudicare sia la stesura del bando sia l’esito conseguente, con il rischio che possa anche andare deserto. Per troppi anni lo stadio che rappresenta la città capoluogo, e quindi la provincia intera, è stato lasciato a sé stesso ed ora necessita di interventi radicali, anche alla luce delle normative che sono cambiate, per tornare alla sua completa funzionalità e per potersi definire a tutti gli effetti “impianto a valenza economica”. Il comune si prenda il tempo che serve per fare ciò che effettivamente necessita all’intera struttura. Italia Viva Rovigo

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 valutazione/i, media: 5,00 su 5)
Loading...