Porto Viro-Il pensiero di Giacon sulla nuova compagine societaria di Ecoambiente srl.

Thomas Giacon: Dichiarazione sulla nuova compagine societaria di Ecoambiente srl-” Sono rimasto basito quando ho appreso della nomina dell’ex assessore Palli al ruolo di Presidente di Ecoambiente srl. Credo che tale decisione sia stata maturata da tempo. Non avrei mai immaginato che si potesse arrivare a tanto! Al posto di Palli, per coerenza, avrei rifiutato e sarei tornato a fare il mio lavoro. In virtù delle lotte fatte, come amministratore comunale volte alla riduzione dei costi TARI a favore dei cittadini, ricordo a tal proposito la revoca dello spazzamento stradale, la contestazione del Piano finanziario TARI e addirittura l’ipotesi di dare a terzi l’affidamento dell’ecocentro tant’è che lo abbiamo riscattato in anticipo liquidando le somme al Consorzio Rsu. Ricordo inoltre che Palli per difendere le ragioni del comune davanti al TAR contro Ecoambiente srl, difeso dallo studio Andrea Maltoni, indicò personalmente l’avv. Pietro Acri di Bologna, collaboratore universitario del prof. Giuseppe Caia, dell’omonimo studio legale, consulente del Consorzio Rsu. Oggi paradossalmente Palli, esponente del Partito Democratico di Porto Viro, si trova a difendere gli interessi di Ecoambiente a scapito dei cittadini. Con quale coraggio il Partito Democratico di Palli andrà a chiedere il voto ai portoviresi in vista delle prossime elezioni amministrative? Come spiegherà Palli a Davide Benazzo rappresentante dei lavoratori Cgil questa nuova situazione?

Palli o è incoerente con le azioni fatte quando era assessore oppure il suo obiettivo è distruggere Ecoambiente dall’interno. Lui stesso ha sempre definito Ecoambiente una società che approfitta dei comuni, in quanto a Porto Viro abbiamo dimostrato che i costi possono essere molto inferiori, infatti insieme avevamo avviato uno studio per favorire l’insediamento di un azienda esterna per la gestione di una parte del riciclo dei rifiuti urbani con lo scopo di diminuire le tariffe ai cittadini. Questo proprio per predisporre una gestione intercomunale fuori da Ecoambiente. Oggi se nega tutto questo o è un bugiardo o ha accettato l’incarico per opportunità personale e tutelare interessi politici e privati. Ipotizzando che tutto ciò fosse vero, allora il binomio Alessandro Palli – Ivano Gibin non è casuale e probabilmente anche il PD e gli addetti ai lavori con interessi privati hanno dato il loro benestare a questa nuova compagine societaria. Non mi sorprenderei se domani si parlasse di Hera o di qualche altra società privata per la gestione dei rifiuti.”

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici