Porto Viro-Luce sul ponte di Gramignara!

(Porto Viro, 1 Settembre 2015) Il sindaco Thomas Giacon, interviene per fare luce sulla questione del ponte dii Gramignara, in merito alle dichiarazioni della consigliera d’opposizione Maura Veronese, che definisce “avventate e riconducibili al suo stato di sofferenza causato dalla sconfitta elettorale ancora non digerita: mi rattrista, a più di un anno di distanza dalle elezioni, vedere la consigliera Veronese ancora provata e costretta ad inventarsi falsi problemi pur di attaccarmi, ma mi rattrista ancor di più, però, doverla sbugiardare sulle sue false affermazioni, facendole così ulteriormente perdere credibilità”.

Mi stupisco  che l’avvocato Veronese – sottolinea Giacon – dichiari sentenza alla stampa, prima di documentarsi, probabilmente a causa della voglia di protagonismo e di denigrazione. Il Ponte di Gramignara, infatti, rientra nelle competenze del Consorzio di Bonifica Delta del Po. E, dopo i test di carico di maggio, ha informato il Comune della situazione del ponte, attraverso una relazione firmata dall’ingegner Franco Pozzati, datata 10 giugno scorso . Nella relazione, il tecnico, sottolineava l’importanza di ridurre il carico dei mezzi che transitano sul ponte”.

A quel punto, sindaco e assessore all’agricoltura in azione sinergica con il direttore del consorzio Giancarlo Mantovani hanno convocato in Comune a metà luglio, tutte le associazioni di categoria degli agricoltori, tutti gli operatori, i residenti e i principali agricoltori della zona per informarli della situazione del ponte e conseguenti provvedimenti .In seguito all’incontro quindi, per diminuire i carichi dei mezzi agricoli sul ponte e dall’altra garantire il transito dei residenti e il regolare svolgimento dell’attività agricola della zona, è stata redatta un’ ordinanza (la n. 71 del 20.07.2015) per l’istituzione di un senso unico alternato per veicoli fino a 5 tonnellate, con velocità limitata a 30 km/h e divieto transito per i veicoli con  peso complessivo superiore alle 5 tonnellate. Mentre, quanto riguarda i lavori di messa in sicurezza del ponte, il consorzio, sempre nella riunione del 16 luglio, ha presentato il progetto per i lavori necessari al ponte, che è già stato sottoposto alla Regione Veneto, per l’importo complessivo di 1,3 milioni di euro.

Proprio in questi giorni è iniziata la collocazione della segnaletica verticale, orizzontale e dei blocchi in calcestruzzo al fine di concludere quanto predisposto dall’ordinanza. Pertanto è evidente che l’avvocato Veronese, ha fatto delle dichiarazioni alla stampa dopo l’incontro con i cittadini e la stesura dell’ordinanza, mentendo per l’ennesima volta, dimostrando poca responsabilità e scarsa capacità di leggere anche i più semplici gli atti amministrativi ufficiali, cosa che mina alla base la sua stessa credibilità politica”.

Guendalina Ferro

Servizio Informazione Comune di Porto Viro

 

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici