UN TRIBUTO A THE VOICE CON LO SWING-JAZZ DI GUIDI&COPPOLA TRIO.

FICAROLO (RO) – La quarta data di Tra ville e giardini XXIII offre una magica serata swing-jazz evocando Frank Sinatra detto “The voice”, la voce più carismatica e inarrivabile del XX secolo, 11 Grammy awards, più di 300 dischi incisi (tra album, singoli e raccolte) e centinaia di milioni venduti, il cantante e intrattenitore che fa tutt’uno col latin lover dagli occhi azzurri e con l’attore dei tre Premi Oscar. Appuntamento imperdibile, dunque, con lo spettacolo “Ciao Frank” è venerdì 22 luglio, alle 21.30, nel parco giardino della monumentale Villa Schiatti Giglioli, a Ficarolo (Ro). In scena la voce calda ed i ritmi di Gianluca Guidi ed Elio Coppola Trio a cimentarsi sui grandi classici del repertorio swing-jazz e pop di Frank Sinatra.

Per ricordare una leggenda senza apparire banali, ci vuole del talento. Quello del poliedrico Gianluca Guidi, figlio d’arte (di Lauretta Masiero e Johnny Dorelli), attore e regista teatrale, conduttore radiofonico, cantante. La musica è l’inizio della sua carriera artistica (ha partecipato a due Sanremo, con un terzo posto nella sezione “Novità” nel 1990), ma la sua voce da crooner, che pure somiglia a quella del mito, è tornata spesso a cantare al ritmo swing nei programmi di Rai radio 1 (Gianvarietà) e radio 2 (Viva radio 2 con Fiorello e Baldini) dove è stato ospite fisso e conduttore. In realtà l’amore di Guidi per “The voice” è una storia lunga, molto al di là delle mode, legata ad un aneddoto che lui stesso racconta: quando barattò un vinile dei Ramones per l’album live del concerto del 1974 al Madison square garden di New York.

La sezione ritmica non può essere da meno. Infatti, la voce può poggiare tranquillamente sulla batteria jazz di Elio Coppola, giovane napoletano Doc, che ormai è diventato un caposaldo del jazz nostrano e oltre: un artista che si divide tra Italia e New York, suonando nei festival e nei locali, con i più grandi musicisti jazz di fama mondiale. Coppola sarà in una formazione inedita, in trio con Tommaso Scannapieco e Michele Di Martino. Scannapieco è bassista e contrabbassista jazz salernitano, di esperienza pluridecennale e dal suono deciso, una delle figure di riferimento del variegato mondo del jazz nazionale. Con lui, ha invece spesso condiviso i palcoscenici italiani il terzo strumentista che completa il terzetto: il pianista Michele Di Martino. Dall’affiatamento dei due ci si può davvero aspettare una sapiente salda ritmica in costante e preciso dialogo, indice di una vera complicità. Si prospetta dunque un concerto da non perdere, con la voce calda ed espressiva di Guidi a ricamare sulla musicalità jazzistica che il Trio può evidenziare. Info biglietti: www.enterovigofestival.it.

Commenta tramite Facebook
Condividi con i tuoi amici